Modalità:  
lunedì 18 marzo 2019    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci
Da 1455845@aruba.it il 28/01/2007 6.40

copiate perchè nei secoli non si è fatto altro... mia moglie si è sorpresa a scoprire che il testo di 'my funny valentine' è stato preso da un sonetto di shakespeare... salvatore quasimodo ripeteva ossessivamente che le canzoni sono fatte con i cascami della musica e poesia d'arte...probabilmente gli sarebbe piaciuto che i ricchi autori di canzoni pagassero qualcosa per il sostenimento dell'arte pura...un pò come il calcio sostiene l'atletica ed il nuoto...non mi dispiace che si cerchi di divulgare una poesia o una musica d'arte attraverso la canzone commerciale (avete presente donna summer che canta sul preludio in do minore di chopin?...)... basterebbe denunciare la fonte...allora, 'quasi sera' di luigi tenco è "ricordo di marie a.' di bertold brecht (tenco ha giusto cambiato le nuvole in vele...)... 'dove credi di andare' di sergio endrigo è 'la città' di costantino kavafis... chi vuole continuare la lista?

Da 1455845@aruba.it il 24/01/2007 17.20

si potrebbe fare pace con i giornalisti invitandoli a scrivere una storia del giornalismo (invece che una storia del jazz) ed invece di elencare le cento incisioni che non ci devono mancare (elenco che di solito aiuta... ad andare al gabinetto, come dicono i 'benpensanti'...), potrebbero dirci quali sono i cento giornalisti odierni più importanti... così sapremmo quali sono i lecca...piedi più potenti d'italia... va bene, sto esagerando... in fondo, basterebbe che scrivessi una storia del giornalismo italico ed elencassi i cento giornalisti che bisogna leggere assolutamente...la prossima barzelletta qual'è? che abramovich è comunista? e che ha comprato la squadra del chelsea per diffondere il comunismo in gran bretagna?...

Da 1455845@aruba.it il 21/01/2007 7.35

a proposito dell'educazione musicale... insisto: gli italiani non vogliono essere educati musicalmente... insegnando al conservatorio di milano, è chiaro che sono in una posizione di privilegio... da me, viene un allievo che vuole studiare e vuole diventare musicista... ma provate a chiedere ad un insegnante di musica di scuola media, qual'è la risposta degli allievi... la più frustrante e deprimente... gli italiani non vogliono credere che la musica sia una scienza, una cultura, un sapere... preferiscono credere a qualcosa di magico... o ad una forma di arredamento...

Da 1455845@aruba.it il 18/01/2007 13.50

si può fare capire ad un incompetente di essere un incompetente? e ad un cretino di essere cretino? d'accordo... è difficile... proviamo... le misure dispari sono patrimonio del jazz dagli inizi degli anni cinquanta... se qualcuno gode a sentire queste metriche, consiglio don ellis che, negli anni sessanta, ripeto, sessanta..., usava addirittura i numeri decimali, cioè le frazioni di uno... mentre il "pedale" in armonia risale alla notte dei tempi... ed a questo punto viene da chiedersi perchè gli italiani non hanno una educazione musicale... bene, dopo trentacinque anni d'insegnamento lo posso affermare con sicurezza: perchè non la vogliono... voglio avvicinarsi alla musica in maniera sensibilistica... per interderci, come a san gennaro o a cose simili... per la stessa ragione non puoi dire all'italiano medio, ovvero mediocre, che la iuve, il milan e l'inter sono strutture di potere e non squadre di calcio... e che gli agnelli nel '26 e berlusconi negli anni '80 hanno comprato, non per amore del calcio, ma per fare aggregazione e raccogliere consensi e che la cognata di moratti è sindaco di milano non per caso... l'italianuzzo ti guarderebbe con gli occhi offesi perchè gli hai detto che nè babbo natale nè la befana esistono... e che la macchinina con cui si trastulla è finta...

Da 1455845@aruba.it il 16/01/2007 6.39

sull"ultimo down beat, il "meldoso" blatera contro bill evans concludendo che non capisce perchè evans gode di tanta considerazione... ovvero, se c'è un invidioso è il "meldoso" nei confronti di evans... ma sembra difficile fare capire che è il momento storico che determina la grandezza di un artista, non la sua abilità... pat metheny è bravissimo, ma non può essere considerato grande quanto django, charlie christian, tal farlow, barney kessel, jimmy raney, wes montgomery, jim hall...perchè tutti questi signori hanno vissuto un tempo storico determinante per l'affermazione della chitarra jazz...il povero michael brecker è morto a soli 57 anni, perchè faceva parte di una troppo rara tribù di ebrei ungheresi e ciò non ha permesso un trapianto. ora michael sia musicalmente che strumentalmente è superiore a stan getz, ma quest'ultimo era nel 1947 con woody herman e poi con dizzy gillespie, con j.j.johnson, con oscar peterson e cosi via, ha suonato con i migliori chitarristi dell'epoca come johnny smith, jimmy raney, kenny burrell ect. i più grandi bassisti da ray brown ed oscar petttiford a scott la faro, miroslav vitous, ron carter, stanley clarke, così come i migliori batteristi da roy haynes ad elvin jones a tony williams... una infinità di pianisti: da horace silver (fu getz a scoprirlo...) a mose allison (proprio il cantante...), da chick corea ad herbie hancock a stanley cowell, albert dailey, jimmy rowles e così via,... ha fatto scoprire il jazz scandinavo a tutto il mondo, ed ha diretto una session con a.c.jobim e joao gilberto che è conosciuta in tutto il pianeta e che si vende ancora tanto dopo 43 (quarantatre...) anni. Posso elencare i vibrafonisti con cui stan getz ha inciso? praticamente tutti da lionel hampton a gary burton passando da cal tjader, milton jackson, terry gibbs e così via. mi fermo qui...( notato che ho taciuto bill evans?...) il momento storico che stiamo vivendo è squallido...con i ricchi che cercano d'insegnarci a vivere... (forse vogliono insegnarci a rubare...)...e tutti che li circondano in aperto lecchinaggio... mi sbaglierò, ma credo che tutto ciò partorisce solo esercizi di bella calligrafia come quelli del "meldoso"...

Da 1455845@aruba.it il 14/01/2007 7.03

... che brad 'meldoso' sia un presuntuoso non è un caso... in fondo, keith ha insegnato a tutti che è meglio autocelebrarsi perchè gli altri faranno di tutto per buttarti giù... lo diceva anche sartre: l'inferno sono gli altri... detto questo, il 'meldoso' non ha capito che la grandezza non la fa l'individuo, ma il momento storico e, pertanto, anche se lui fosse quello che crede di essere, non farà mai "kind of blue", nè un trio con scott lafaro, nè le sue composizioni saranno riprese da altri musicisti... sorry, "merdoso" hai perduto l'attimo... spera nella prossima vita...

Da 1455845@aruba.it il 07/01/2007 14.05

di solito, parlo male dei libri cosiddetti di storia del jazz... a parte il fatto che sono scritti quasi sempre da giornalisti e già questo ci dice il livello infimo in cui sguazzano... sono pieni di pregiudizi e di dimenticanze assurde... Denzil Best ha fatto la batteria moderna, soprattutto ha insegnato a tutti l'uso delle spazzole sul rullante, ha inciso capolavori con George Shearing, Lennie Tristano, Erroll Garner e così via... era un pianista... passò alla batteria, dicendo che il pianoforte era troppo europeo... ha scritto standards come 'Move, ha collaborato con Dizzy Gillespie e tutti gli altri... perchè viene regolarmente dimenticato?... perciò bisogna preferire le enciclopedie e gli enciclopedisti... hanno imparato dai benedettini, probabilmente, a registrare tutto senza sputare giudizi che, giustamente, non erano di loro competenza... se non fossi agnostico, sarei un loro ammiratore... avete mai conosciuto un enciclopedista che si sente orgoglioso di avere dimenticato qualcuno?

Da 1455845@aruba.it il 01/01/2007 17.31

come ho già detto, amo alcuni strumenti più di altri e questo mi è chiaro perchè di alcuni strumenti posso ascoltare qualsiasi cosa, mentre di altri, pretendo di avere di fronte un musicista di valore internazionale... parlandone con qualcuno, che suona il pianoforte ed il flauto, questa persona ha affermato che ciò è vero solo con gli strumenti a fiato... la cosa mi ha sorpreso perchè non mi era mai venuto in mente... lei ha insistito: tutti amano il pianoforte, la chitarra, il violino, il violoncello e così via... mentre sugli strumenti a fiato, ognuno ha una opinione diversa... ma è vero? avevo un collega che non sopportava la chitarra elettrica... io l'adoro... mentre ricordo qualcuno che blaterava contro il vibrafono... personalmente trovo che il sassofono è sopravvalutato, ma non mi riferisco certo a charlie parker o paul desmond... trovo che sia stato un delitto abbandonare il clarinetto che mi sembra nettamente superiore al sassofono... ma forse questa è la conferma che su gli strumenti a fiato c'è particolare discordia... o voi che entrate , perchè non mi lasciate un vostro parere?