Modalità:  
giovedì 24 gennaio 2019    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   JAZZ BLOG Riduci
parla3s.gif

sono disponibile a ricevere domande o pareri di vario genere, possibilmente sul... jazz.
Per aggiungere un parere fate clic su -Commenti-, scrivete nello spazio e per inviare fate clic su -Aggiungi commento-.
 
 
     
     
 
   Blog_Archivio Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   Indice dei Blog Riduci
 
 
     
     
 
   Blog_List Riduci
 
Stampa    
     
     
 
   View_Blog Riduci
Da 1455845@aruba.it il 15/01/2008 7.51

in europa, si è sempre accettato un musicista che abbia poco o niente swing, purchè il suo prodotto sia di buon livello. è giusto così, perchè il pubblico europeo, in generale, non cerca di individuare lo swing. accettare, ad esempio, george shearing, ha una sua logica: è un eccellente pianista e musicista, lo swing è appena accennato, ma la sua classe compensa questa sua lacuna per molti ascoltatori. in realtà, anche alcuni statunitensi non hanno fatto dello swing una componente essenziale del loro lavoro. e molti hanno suonato o cantato con colleghi senza swing, la cui capacità musicale è fuori dal comune: vedi louis armstrong e barbra streisand. Si può affermare con ragionevole certezza che lo swing coincide con la pronuncia jazz. pertanto un musicista dalle forti radici classiche fa fatica a produrre swing. ma, senza arrivare a mettere perlman con oscar peterson o kiri katanawa con ray brown, la contaminazione può risultare interessante. la famosa frase di duke ellington va ritoccata: non è detto che non significa niente, se non ha swing. così come non è detto che un europeo abbia meno swing di uno statunitense. anche pensando solo all'italia: franco d'andrea, enrico pieranunzi e antonio faraò producono swing quanto e più di uno statunitense. e se penso all'altra nazione europea che conosco abbastanza, la gran bretagna, aggiungo che nessuno, e sottolineo nessuno, può insegnare a fare swing a musicisti come victor feldman, stan tracey o gordon beck. by the way, niels pedersen, dave holland e george mraz 'swingavano duro' anche nel loro paese nativo.

Da 1455845@aruba.it il 01/01/2008 14.18

sono andato ad ascoltare un concerto di una mia ex allieva e mi sono sorbito un'ottima esibizione di jazz commerciale. il jazz commerciale è sempre esistito, da paul whiteman a glenn miller a chi vi pare..., la sua formula è semplice: ridurre o eliminare l'improvvisazione. ora, per uno che è cresciuto con 'kind of blue', 'the shape of jazz to come', 'my favorite things', 'sunday at village vanguard' e che ha per coetanei musicisti che hanno definito il jazz sinonimo di libertà, ascoltare un concerto di jazz commerciale con i suoi arrangiamentini dal gusto discutibile, è penoso. Ammetto che i musicisti erano ottimi, che i suoni erano belli, che la mia ex allieva sapeva tutto a memoria per benino, ma preferisco il jazz autentico con tutto il suo disordine ed il suono "dirty"... e soprattutto con il suo desiderio di libertà.