domenica 9 dicembre 2018    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   Don Thompson & i poliedrici Riduci

don_thompson.jpg  
Don Thompson Quartet
Pat Collins (contrabbasso), David Occhipinti (chitarra elettrica) e Terry Clarke (batteria).

Anche il primo vibrafonista jazz, Adriano Rollini, era un poliedrico. Infatti, è ricordato molto di più per il suo lavoro al sax basso.Cos’è un poliedrico? Un curioso, un superficiale, un ansioso, un disordinato, qualcuno che non si esprime abbastanza con un solo strumento, un dotato di versatilità eccessiva, qualcuno che ha una grande disposizione di tempo: single, ricco ect.
Bisognerebbe fare una ricerca esauriente.
Ma, del resto, Lionel Hampton non era anche batterista, cantante e suonava il pianoforte con due dita come due battenti: uno della mano sinistra e uno della destra?
In realtà, nessuno suona un solo strumento, perché è importante vedere la musica da un’altra angolazione per completare la propria preparazione.
L’ideale sarebbe che l’altro strumento offra una esperienza diversa del primo strumento.
Nella cultura classica, pertanto, si consiglia lo studio del pianoforte per i cantanti e gli strumentisti melodici e percussivi.
Dizzy Gillespie era trombettista, cantante, pianista, percussionista, compositore, arrangiatore e direttore d’orchestra. Ma nessuno pensa a Gillespie come un multistrumentista e questo perché il suo lavoro alla tromba era così eccezionale che il resto sembrava un modo per rilassarsi, per stare con il gruppo.
In Gran Bretagna negli anni settanta, forse il migliore vibrafonista era Frank Ricotti, ma lavorava anche come percussionista e sax alto.
E’ chiaro che magari si hanno più opportunità di lavoro, ma spesso ciò diminuisce l’intensità dell’opera.
Un numero esteso di vibrafonisti sono anche pianisti e cantanti. Solitamente si dà per scontato che un pianista o un batterista possano suonare il vibrafono, se vogliono. I pianisti hanno la visione armonica, i batteristi hanno la tecnica percussiva.
Tre multistrumentisti dichiarati sono Don Elliott, Victor Feldman e Don Thompson.
Don Elliott ha recentemente pubblicato un cd dove lui ed il grande pianista Bill Evans si esercitano insieme. Ed Elliott suona il vibrafono, canta e fa un po’ di percussione. Elliott forse voleva far vedere come, anche giocando con un amico, Evans era eccezionale.
Elliott suona anche la tromba ed altri strumenti a fiato. C’è una incisione con Paul Desmond, dove il famoso altista, nelle note di copertina, scherza dicendo che l’ha pregato di non usare troppi strumenti.

Victor Feldman.jpg     Victor Feldman

Ma comunque Elliott non sembra un musicista al livello di Victor Feldman che era pianista, vibrafonista, batterista, percussionista e tastierista elettronico.
Probabilmente il suo lavoro al pianoforte con Cannonball Adderley e Miles Davis, ha oscurato tutto il resto. Ma alcuni brani al vibrafono fanno pensare che avrebbe potuto essere uno dei più grandi vibrafonisti jazz di tutti i tempi. Ad esempio, in “Tu che mi hai preso il cuor” (Yours is my heart alone) di Franz Lehar con Adderley.
Feldman ha riarmonizzato questa canzone in modo magistrale e tutti ormai la suonano così, anche se Lehar sarebbe rimasto scandalizzato. Poi suona il vibrafono in maniera avvicinabile a Milton Jackson, Cal Tjader e Teddy Charles, ma con un timbro, uno swing ed un gusto armonico proprio e di primo rango.
Il canadese Don Thompson è contrabbassista, pianista, vibrafonista e batterista. Le sue incisioni al contrabbasso  sono decine e con i più grandi musicisti, basta citare Jim Hall. Mentre al pianoforte ed al vibrafono sono incisioni di minore distribuzione, ma eccellenti. Il vibrafono lo suona sia alla Milton Jackson che alla Gary Burton e sorprende in ambedue gli stili con un fraseggio che è suo e  credo di potere insinuare che detto fraseggio viene dal contrabbasso.
Ancora vanno segnalati questi musicisti che hanno accoppiato il vibrafono ad uno o più strumenti:

Tubby Hayes, eccellente sassofonista
Larry Bunker, batterista di uno dei tri di Bill Evans più longevi
Charlie Shoemake, pianista ed insegnante, musicista completo come pochi.
Mont Croft, pianista e cantante di primo rango
Hendrik Meurkens, armonica a bocca: musicista poliedrico e seducente.
Michel Hausser, questo elegante francese è un maestro di fisarmonica.

Altri sono stati citati negli altri profili.