domenica 9 dicembre 2018    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
   Dave Samuels Riduci

dave_samuels.jpg

Dave Samuels è un musicista molto preparato che Gary Burton ha promosso a sua vece come insegnante di vibrafono nella Berklee di Boston.

Samuels è partito come batterista poi, si è dedicato al vibrafono sposando la tecnica e la logica di Burton, cioè due battenti per mano costantemente, ma non sempre rinuncia al motorino delle alette.

Si fece notare in un sestetto del sassofonista Gerry Mulligan che annoverava anche il suo compagno di Berklee John Scofield alla chitarra. E nello stesso tempo cercava di lavorare in duo con David Friedman. Il gruppo dei due percussionisti si chiamava ‘Double Image’ che godette di qualche risonanza, ma la produzione era eterogenea, anche se per Samuels e Friedman documenta l’amicizia di una vita.

Samuels aumentò notevolmente la sua visibilità unendosi agli Spyrogyra un gruppo fusion che agiva nell’area aperta dai Weather Report, Steps Ahead eccetera.

Nel frattempo Samuels ha sempre inciso molto sia come leader che come collaboratore. Egli non sceglie il genere come collaboratore, mentre come leader cerca di comporre quasi tutto il materiale da incidere. Questo è molto ambizioso e sinceramente non sembra una grande scelta. Senza fare del criticismo, Samuels dovrebbe riflettere che Burton ha sempre cercato di scegliere il suo repertorio fra i migliori compositori di temi della sua generazione: da Mike Gibbs a Chick Corea, da Carla Bley a Steve Swallow e senza dimenticare gli standards.

La migliore incisione di Samuels è forse un duo con il pianista Andy Laverne. E’ facile pensare al duo Burton-Corea, ma Samuels e Laverne lavorano duro per evitare l’accostamento, diversificando quanto più possibile il tepertorio. Altre incisioni, compresa quella italiana con Furio Di Castri e Tullio De Piscopo, danno l’idea di un musicista che si esalta negli arrangiamenti e non nel solismo. E soprattutto che si tratti di un imitatore di Burton o che cerchi da fare qualcosa di commerciale.

Probabilmente anche per questo, Samuels prova a sedersi sulla sedia lasciata vuota da Cal Tjader, cioè cerca di concentrarsi sul ‘latin jazz’. Il suo linguaggio rimane invariato, ma usa una sezione ritmica “latina” ed inserisce fra i suoi collaboratori, artisti come Danilo Perz, Javier Carrizo, Sammy Figueroa, Andy Narell, Dave Valentin, Oscar Stagnaro ed altri.

Sempre più convinto vara un ‘progetto caraibico’, che incide un cd anche in compagnia della cantante Diane Schuur.

Dal vivo, con Paquito De Rivera al sassofono o clarinetto, l’impressione è gradevole, ma resta il dubbio che ci sia del manierismo e non una autentica poetica.

Comunque l’ormai sessantenne vibrafonista sembra essersi ritagliato uno spazio preciso. Il Caribbean Jazz Project continua a lavorare ed  incidere e vanta anche un Grammy con “The Gathering”.

Non va dimenticata anche l’opera didattica di Dave Samuels che ha registrato due video cassette sull’uso del vibrafono in un contesto modale, con libretto allegato.