domenica 9 dicembre 2018    Registrazione  •  Login
 
   
 
   
   
   
 
 
     
 
     Riduci

 

 

 Discutiamo
di cantanti

Il profilo di alcuni cantanti jazz o avvicinabili al jazz


Bing Crosby & Frank Sinatra
02.jpgMichael Bublé & Bobby Darin
Bob Dorough & Jackie Paris
Al Jarreau e George Benson
Harry Connick & John Pizzarelli
Bobby McFerrin & Kurt Elling
Mose Allison & Ben Sidran
Scatman John & Giacomo Gates
Jon Hendricks & Tony Bennett
Jimmy Scott & Kevin Mahogany
Andy Bey & Mark Murphy
Joao Gilberto & George Fame

 

 

 

 
 
     
     
 
     Riduci

bobby_darin_500_502[1].jpg  bublé.jpg

 
Michael Bublé & Bobby Darin
Michael Bublè è una scoperta degli eredi di Sinatra: cercavano una immagine giovane cui affidare nuove incisioni dello sterminato repertorio su cui Sinatra ha acquisito dei diritti.

Bublè ha una estesa e bella voce, una evidente facilità d'emissione, un orecchio musicale ottimo, una sincerità disarmante nel leggere i testi ed una trasparente eterosessualità: praticamente perfetto come la sua connazionale Diana Krall, che però coltiva un repertorio più selettivo.
Invece Bublè ama condire gli standards di Sinatra con qualche brano rock o pop o folk.

Per fare capire questa intenzione, Bublè ha spesso citato Bobby Darin (alla anagrafe, Roberto Cassotto), ma l'interlocutore, soprattutto se italiano, rimaneva sorpreso non conoscendo Darin...
Ed è un peccato, perché si tratta di un artista completo come pochi, che ha avuto la sorte di morire a soli 37 anni, dopo avere dimostrato una versatilità eccezionale.
Roberto Cassotto ovvero Bobby Darin ha composto un rock & Roll di successo, "Splish Splash", una ballata rock "Dream Lover" recentemente incisa dai Manhattan Transfer con l'aggiunta di James Taylor ed un suo successo "Things" è stato acquistato dall'italiana Perugina, per ovvie ragioni, poiché la versione italiana si chiama "Baci"...
Come cantante, Darin ebbe successi mondiali con "Mack the knife" di Kurt Weill, con "Beyond The Sea" ovvero "La Mer" di Charles Trenet, ma anche con "Se io fossi un falegname" di Tim Hardin, in inglese ovviamente...
Come attore Bobby Darin ha esordito nel primo film di John Cassavetes "Too Late Blues", in seguito conobbe la fidanzata d'America, Sandra Dee, e la sposò e pertanto il suo lavoro nel cinema si ridusse a fare il partner alla moglie (not too bad, any way...), anche se ebbe il tempo di recitare in televisione e di girare "State Fair" un musical di Richard Rodgers con Pat Boone, Ann Margret e Pamela Tiffin.
Darin è stato un eccellente cantante swing, rock, pop e folk, come vuole essere Bublè, ma era pure capace di mettere la mano su qualsiasi strumento...
La leggenda (metropolitana?...) vuole che l'infarto che colse, sia stato frutto di un superlavoro accettato per sopportare la delusione della separazione dalla moglie che, pur avendogli data una figlia, era nell'intimità piena di problemi...

Tornando a Michael Bublè: si tratta di un artista commerciale, ma la sua produzione è accurata e nobile: oltre a Sinatra e Darin, nel suo ultimo cd rende omaggio a Leonard Cohen, Johnny Mathis ("Me & Mrs. Jones"), Mel Tormè (con il blues di Bob Dorough, "Comin' Home Baby"), Elvis Presley ("Always On My Mind") e fa un duetto con il brasiliano Ivan Lins su una canzone di Eric Clapton, che ovviamente rieccheggia l'incisioni di Sinatra con Antonio Carlos Jobim.
Insomma Bublè è Hollywood, ma nel suo aspetto migliore...